La Madonna di Zaro

Sono vent’anni che il bosco di Zaro non è più soltanto famoso per la rigogliosa vegetazione mediterranea e, ça va sans dire, per la Colombaia, la residenza estiva del grande Luchino Visconti. Esattamente dall’8 ottobre del 1994, quando a due fratelli – Paolo e Luigi, i loro nomi – apparve la Madonna dopo aver recitato il rosario nel bosco insieme ai genitori e un’altra famiglia di amici.

Da allora, le apparizioni sono diventate prima frequenti, poi regolari (8 e 26 di ogni mese) e hanno riguardato altri ragazzi – Marianna, Ciro, Angela, Simona, Simona -, ciascuno con il proprio “carisma interiore“. Chi “il riposo nello Spirito Santo“, uno stato di trance dovuto alla visione della Beata Vergine; altri la “locuzione interiore“, il dialogo diretto con la Madonna che parla, prega, suggerisce, invoca senza tuttavia rendersi visibile.

Nonostante il giusto riserbo (a tutti i livelli) della Chiesa, quello di Zaro è parso sin da subito un fenomeno inarrestabile, ancora di più dopo la notizia che in una delle apparizioni la Madonna avrebbe nientemeno previsto l’attacco alle Torri Gemelle di New York.

Suggestioni? Superstizioni? O il mistero della fede che, secondo Giovanni Paolo II, deve vivere anche nella dimensione carismatico-profetica purchè, ovviamente, non in contraddizione con quella liturgica-istituzionale.

Comunque sia, insieme alla Madonna, sono “apparsi” sempre più numerosi anche i fedeli, prima dalla Campania e poi da tutta Italia, al punto da dar vita al filone, prima inesistente, del turismo religioso sull’isola d’Ischia.

I numeri non sono ancora quelli di Medjugorie e Lourdes, però questo segmento ha l’indubbio merito di non essere legato a nessun periodo dell’anno in particolare, con la promessa, implicita, di contribuire a destagionalizzare il turismo sulla più grande delle isole del Golfo di Napoli.

Il bosco di Zaro è servito da tutti gli autobus di linea (CD, CS, 1, 2) da/per Forio. La fermata è all’ingresso della strada che conduce al bosco, poco distante dai Giardini La Mortella.

In auto, dal porto di Ischia, seguire le indicazioni stradali per Forio. La strada si trova sulla destra del senso di marcia, appena prima di imboccare la discesa di Cavallaro che conduce al centro e al porto di Forio.

Author: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *