La spiaggia di Citara

Citara è una spiaggia “mitica: Venere, Poseidone, Ulisse e Alcinoo pare siano passati per questa lunga striscia di sabbia del versante sud-occidentale dell’isola d’Ischia, nel comune di Forio. Dalle lacrime di Venere, afflitta per la perdita dell’amato Adone, sarebbero scaturite le famose acque termali della baia, mentre Poseidone, furente per non essere riuscito a fermare Ulisse nel suo viaggio verso Itaca, avrebbe pietrificato, proprio sotto la collina di Punta Imperatore, la galea che il re dei Feaci, Alcinoo, aveva messo a disposizione dell’eroe omerico per il suo agognato ritorno a casa.

Oltre che mitica, Citara è anche bellissima. Lo era una volta, quando tutto attorno c’erano nient’altro che campi coltivati e qualche abitazione rurale; continua a esserlo oggi che alberghi, residence, bed&breakfast ma, soprattutto, il parco termale dei Giardini Poseidon hanno radicalmente modificato il territorio, in poco più di trent’anni trasformato in una delle zone con la più alta capacità ricettiva dell’isola, e non solo.

Non è finita. Ristoranti, snack bar, parcheggi, lidi privati (sufficientemente larghi i tratti di spiaggia libera) completano un’offerta di soggiorno di primissimo livello, ancor di più impreziosita dai tramonti infiniti di questo lato dell’isola d’Ischia.

In auto, dal porto di Forio procedere per il lungomare Giovanni Mazzella.

Con i mezzi pubblici, il bus di linea num.2 arriva e fa stazionamento a poche decine di metri dalla spiaggia e dai Giardini Poseidon.

Autore: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *