Cosa vedere a Casamicciola Terme

Casamicciola Terme viveva di turismo quando ancora sull’isola d’Ischia le fonti di sostentamento principali erano agricoltura e piccolo commercio. Un primato storico che diventa addirittura “imbarazzante” se consideriamo il termalismo sociale.
In anticipo di secoli rispetto alle altre località termali dentro e fuori l’isola d’Ischia, a Casamicciola già nel ‘600, grazie all’ente benefico Pio Monte della Misericordia, venivano garantiti cicli di cura di venti giorni ai bisognosi provenienti dalla provincia di Napoli. Della serie, non esistevano ancora la mutua e il sistema sanitario nazionale, eppure Casamicciola già vantava una tradizione consolidata di termalismo assistito.
Non solo. Il terribile sisma del 28 luglio 1883 venne ribattezzato dalla stampa nazionale dell’epoca come il “terremoto dei ricchi“, tanta era la presenza dell’alta borghesia napoletana e mittleeuropea in questa cittadina a nord dell’isola d’Ischia.
Perciò, sono le terme il segreto del successo di Casamicciola, vero e proprio “case history” per gli studi sull’evoluzione di un settore che, assieme al diportismo nautico, resta il più importante per il comune.
Di seguito le cose da vedere a Casamicciola Terme partendo – ça va sans dire – proprio dalla risorsa principale del territorio.

1. Parco Termale Oasi Castiglione
Il Parco Termale Oasi Castiglione si trova sulla collina omonima al confine con Ischia (comune). Circa 2 ettari di giardino in cui trovano spazio dieci piscine: 8 termali, 1 olimpionica e 1 adatta ai bambini. Bar, ristoranti e discesa a mare completano l’offerta di questo parco cui si accede da una graziosa funicolare. A differenza dei più grandi Giardini Poseidon e Negombo, la tariffa d’ingresso non supera i trenta euro, con la possibilità ulteriore di sottoscrivere diverse tipologie di abbonamento.
Per maggiori informazioni sul Parco Termale Oasi Castiglione leggi qui

Casamicciola vanta una storia termale antichissima, di cui sul territorio rimangono molte tracce visive. Alcune, come il Pio Monte della Misericordia, purtroppo in forma di rudere. L’enorme edificio costruito dall’omonimo ordine religioso napoletano si trova a due passi dal mare, di fianco la famosa “Via della Lava”, l’alveo naturale che da Piazza De’ Bagni corre fino al porto. Proprio Piazza Bagni merita una visita per la contemporanea presenza di alberghi storici come le l’Hotel Terme Manzi e di stabilimenti che, invece, sono ancora esclusivamente dedicati a docce, bagni, fanghi, inalazioni, stufe, massaggi senza essersi trasformati nel frattempo in resort o parchi termali.

2. Il Bosco della Maddalena
Circa 40 ettari di pineta e macchia mediterranea che, insieme all’altra collina del Montagnone, sono la prima cartolina che accoglie i visitatori già all’imboccatura del porto di Ischia. E, infatti, dal bosco della Maddalena si può ammirare un bellissimo panorama con la vista contemporanea del porto borbonico e del Castello Aragonese.
Due le strade d’accesso: la prima dal Castiglione, imboccando una traversa laterale che conduce nel cuore della pineta. L’altra da Via Cretaio con ingresso da Fondo D’Oglio uno dei quattro crateri che definiscono il paesaggio collinare della zona.

A proposito di panorami, molto bello pure quello da contrada Celario, nei pressi di Piazza Maio al termine della Strada provinciale 505. In un sol colpo d’occhio le due baie di San Montano e Monte Vico a Lacco Ameno, e di fronte la Sentinella. centro abitato della parte alta di Casamicciola famoso per essere stato nel XIX secolo (fino al sisma del 1883) il cuore turistico e commerciale della cittadina termale.

3. La Marina e il Porto
Dopo il terremoto del 1883 il governo Depretis, in particolare l’allora Ministro ai Lavori Pubblici Francesco Genala, impose l’abbandono delle zone interne e la costruzione della “nuova” Casamicciola a ridosso del mare. Sorsero diversi rioni baraccati (per la verità anche sulla Sentinella), ma anche palazzine in stile liberty che ancora oggi danno un tocco diverso alla Marina di Casamicciola.
Negli ultimi anni lo sviluppo del porto turistico ha suggerito la parziale pedonalizzazione del Corso Luigi Manzi che è così diventato uno dei posti più belli dove fare shopping e regalarsi un souvenir sull’isola d’Ischia. Imperdibile una sosta in piazzetta di fronte uno degli storici bar di Calise, famiglia che da tanti anni dà lustro turistico e commerciale a Casamicciola e all’isola tutta.

Non mancano spiagge, altri piccoli parchi termali (‘O Vagnitiello), locali per il by night e qualche uscita mondana.

Ischia Vi aspetta!!!

Autore: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *