Escursione da Fiaiano a Buonopane

Sull’isola d’Ischia le tracce del rapporto profondo, quasi inestricabile, tra acqua e terra sono diverse. Una è il tufo del Monte Epomeo che, secondo parte consistente della comunità geologica, deve il suo caratteristico colore verde all’ingressione marina. In pratica, al collassamento e al successivo rinnalzamento di una caldera vulcanica sottomarina da cui sarebbe scaturita, circa 55.000 anni fa, una violenta eruzione di tipo esplosivo.

Un’altra traccia, invece, è la fonte di Buceto, a Fiaiano, frazione del comune di Barano d’Ischia. Qui, il processo millenario di stratificazione delle argille marine avrebbe creato uno strato impermeabile all’acqua piovana che, accumulandosi nelle fenditure della collina, avrebbe originato a sua volta la fonte che secoli addietro ha garantito l’approviggionamento idrico di Ischia Ponte, l’antico “borgo di Celsa“.

Ecco allora che l’escursione che da Fiaiano – salendo proprio dalle scale lastricate della Fonte di Buceto -, arriva fino a Buonopane, altra frazione del comune di Barano, è una tappa irrinunciabile per approfondire la storia geologica dell’isola più grande del Golfo di Napoli. A metà percorso troviamo Piano San Paolo, uno spazio aperto in mezzo al bosco a 460 metri sul livello del mare dove ogni anno, il 1 giugno, si ripete l’ormai tradizionale appuntamento con la “Festa della Ginestra”, tra musiche, canti e il folcloristico ballo della ‘ndrezzata.

Proseguendo verso Buonopane – via Buttavento e Candiano -, il paesaggio da boschivo che era diventa sempre più agricolo. Iniziano a comparire orti e vigneti come solo nella migliore tradizione ischitana. Per non parlare del panorama che via via diventa sempre più bello con improvvisi scorci sull’arcipelago flegreo e la poco distante “Torre” di Sant’Angelo, l’isolotto tufaceo che sorge proprio di fronte la piazzetta dell’omonimo borgo.

Nel 2002,  il comune di Barano d’Ischia, nell’ambito di un progetto di valorizzazione della propria fascia pedemontana ha contrassegnato questo sentiero, che si snoda per circa 6 km, con una lucertola di colore giallo, fissando però la partenza a Buonopane e l’arrivo a Fiaiano.

DESCRIZIONE PERCORSO

Durata 3,5 ore
Difficoltà Tecnico/Escursionistico
Dislivello in salita 300 m
Dislivello in discesa 300 m
Quota massima 500 m
Sviluppo del percorso circa 6 km
Partenza Fiaiano (prossimità maneggio)
Arrivo piazza di Buonopane
Percorso Fiaiano, sorgente di Buceto, Piano S.Paolo, Buttavento, Candiano, Buonopane

 

Autore: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *