Ricette ischitane

La cucina ischitana è una cucina semplice, dalla “doppia anima” di terra e di mare. Soprattutto, è una cucina fortemente legata alla stagionalità dei prodotti, che si tratti di ortaggi, spezie o del pescato fresco. Unica eccezione, sua maestà il coniglio, presente sulle tavole degli ischitani 365 giorni l’anno, specie la domenica e nei giorni festivi. Prima di passare in rassegna alcune delle ricette ischitane, concentriamoci su poche, fondamentali, regole da rispettare.

Cucinare all’ischitana
La prima, e più importante, è la cottura della pasta che va scolata sempre al dente, vale a dire 1-2 minuti prima del tempo indicato sulla confezione. Questo perchè in molti casi la cottura viene completata in padella, o nel tegame, saltando la pasta insieme al sugo preparato. La seconda regola riguarda l’olio che deve essere sempre extravergine e di buona qualità. Il terzo aspetto rimanda a un modo di fare cui però è bene adeguarsi se vi piace cucinare “all’ischitana”. Sono veramente tanti, infatti, gli isolani che hanno un orto domestico, nella maggior parte dei casi adiacente all’abitazione. Perciò, verdure, pomodori, odori sono quasi tutti a chilometro zero o, meglio ancora. a centimetro zero. Chi non ha questa possibilità, si attrezza sul balcone, almeno per  le spezie: timo, basilico, qualcuno coltiva anche l’origano sebbene se ne trovi in abbondanza sul Monte Epomeo. I capperi, poi, crescono ovunque al punto che è assai frequente, d’estate, incrociare qualcuno intento a raccoglierli per strada.

Coniglio all’ischitana
Questa breve, e non esaustiva, rassegna non poteva che cominciare col piatto principe della gastronomia ischitana, che poi è un normale coniglio alla cacciatora in cui a fare veramente la differenza sono le materie prime impiegate. Fondamentale è anche la pezzatura dell’animale che non deve superare il chilogrammo di peso (max. kg, 1,2), come pure -fondamentale- è la cottura nel tegame di creta (in dialetto “‘u tian“).

VAI ALLA RICETTA
Ingredienti per 6 persone:

2 conigli (peso netto max. 1,2 Kg.) olio di semi di arachidi
10 pomodorini (del Vesuvio o datterini) sale q.b.
maggiorana fresca q.b prezzemolo
timo q.b. 2 peperoncini freschi
4 bicchieri di vino bianco (Biancolella o Forastera) 3 teste di aglio (italiano)
1 bicchiere abbondante di e.v.o. (mezzo per coniglio) un tegame di creta (già usato)

Totano imbottito
Il totano imbottito – “imbuttunat”, in dialetto – è uno dei “must” della tradizione marinara partenopea (e quindi anche dell’isola d’Ischia). In apertura abbiamo fatto riferimento alla doppia anima degli ischitani, agricoltori ma anche pescatori. E infatti molti, oltre ad avere un piccolo appezzamento di terra, posseggono anche un gozzo col quale, d’estate, vanno a pesca di totani. Una pesca notturna con decine di lampare in mezzo al mare che regalano un’atmosfera ancor più suggestiva e romantica a molti scorci in giro per l’isola.

VAI ALLA RICETTA
Ingredienti per 6/8 persone:

1 totano di 1,5 kg. c.a. 
 – 100 gr. olive nere  – 1 provola di 250 gr.
 – 2 spicchi d’aglio  – 50 gr. di capperi
 – 2 uova  – 300 gr. di polpa di pane
 – parmigiano reggiano q.b.  – prezzemolo q.b.

Spaghetto al filetto di pomodoro
Terra, mare e poi di nuovo terra. Stavolta con uno spaghetto al filetto di pomodoro, il non plus ultra della “pasta c’a pummarola ‘ngoppe“. – “Eh che ci vuole!” – è il commento di molti. Non è così, spesso i piatti che riteniamo semplici, sono quelli dove occorre maggior cura.

VAI ALLA RICETTA
Ingredienti per 4 persone:

Spaghetti 350/400 grammi
100 grammi di cozze sgusciate olio extravergine di oliva q.b
2 spicchi aglio sale q.b.
1 mazzetto basilico parmigiano q.b

Insalata di polpo con cozze e patate
Torniamo a mare, con una ricetta tipica dell’estate ischitana e non solo. L’insalata di polpo, o meglio una delle sue tante varianti con cozze e patate. Buona da mangiare, facile da preparare!

VAI ALLA RICETTA
Ingredienti per 4 persone:

Due polpi medio piccoli di circa 250 grammi l’uno
100 grammi di cozze sgusciate un pomodoro di Sorrento
4 patate olive nere
mais origano

Limoncello
E dopo aver tanto mangiato occorre un liquore per digerire. Che c’è di meglio del limoncello? Caprese, sorrentino, ischitano… che importa! Importa che sia buono, tanto va da sè che ognuno ha la sua ricetta, la sua personale formula segreta. Noi no, noi vi sveliamo il nostro procedimento appreso in lunghi e assolati pomeriggi estivi trascorsi insieme alle nostre mamme. Buona lettura!

VAI ALLA RICETTA
Ingredienti:

1 litro di alcool 10 limoni, grandezza media
1 litro di acqua 600 grammi di zucchero

Le ricette ischitane non finiscono certo qui. Quelle proposte sono solo un assaggio 😀 Se vuoi saperne di più seguici su: wwww.ricettedaischia.it. Non te ne pentirai!

Leggi anche:
10 cose da sapere prima di visitare Ischia per la prima volta

Ischia Vi aspetta!

Autore: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *