Ischia a novembre: le cose da fare

Novembre a Ischia è tempo di bilanci sulla stagione estiva appena conclusa, ma non è ancora il momento di chiudere i battenti, poiché bisogna prepararsi ad accogliere i tanti turisti che scelgono l’isola per festeggiare Natale e Capodanno. Insomma un mese “cuscinetto” che in qualche modo prefigura quel che sarà l’inverno ischitano con l’attesa, però, dei tanti, imperdibili, eventi natalizi. Normale dunque che si registri una flessione significativa di presenze, anche se questo, per altro verso, è proprio il motivo che invece invoglia molti a venire in vacanza sull’isola. La possibilità di andare in giro su pullman poco affollati e senza traffico per le strade, insieme all’altra di alloggiare in una struttura alberghiera di tutto rispetto a tariffe super convenienti, sono senza dubbio due motivi validi per regalarsi una vacanza “fuori stagione”. Di seguito vediamo le cose da fare a novembre sull’isola d’Ischia.

Terme
È chiaro che chi sceglie di venire in vacanza a Ischia a novembre ha come priorità le cure termali. Del resto, quasi tutti gli hotel che rimangono aperti durante il mese dispongono di reparto termale e centro benessere.  Il motivo è facilmente intuibile e non ha a che fare solo coi benefici della fangobalneoterapia: scegliere un albergo che abbia almeno una piscina coperta rappresenta, infatti, un’ottima possibilità di svago, specie se il tempo dovesse essere inclemente. Perciò, occhio innanzitutto alla scelta della struttura.

Offerte Hotel a Ischia per Novembre

Cultura
Ischia è molto più di una “semplice” località balneare.  Certo, il mare e le terme appena ricordate sono i motivi principali per cui ci si viene in vacanza ma di cose da fare ce ne sono tante altre. A cominciare dalla Coppa di Nestore, il reperto che attesta l’isola come la prima colonia della Magna Grecia. La preziosa coppa è custodita nel Museo di Villla Arbusto a Lacco Ameno e per importanza storico-archeologica vale da sola la venuta sull’isola. Da vedere, inoltre, il Castello aragonese a Ischia Ponte, senza ovviamente dimenticare le tantissime chiese e gli altri musei (Museo del Mare, Museo Civico del Torrione ecc.) in giro per l’isola.

Museo Archeologico di Pithecusae

Trekking
L’autunno, a detta dei più, è anche il periodo migliore per andare alla scoperta dell’Epomeo e le altre colline dell’isola d’Ischia. Il clima mite e la facile percorribilità di quasi tutti i sentieri ischitani suggeriscono di mettere in valigia scarpe e abbigliamento adatti al trekking. Due, però, le avvertenze: la prima è che i colori dell’autunno a Ischia non sono quelli dei parchi di Milano, Torino e Monaco di Baviera. In altri termini, il foliage qui non è generoso come nel cuore dell’Europa, anche se di certo non mancano scorci e altre suggestioni da fotografare. L’altro aspetto a cui fare attenzione è la presenza dei cacciatori. A Ischia la caccia è una passione particolarmente sentita e perciò se desiderate esplorare la fascia pedemontana dell’isola è preferibile informarsi preventivamente sui giorni settimanali di silenzio venatorio (generalmente a Ischia la caccia è aperta dal 1 ottobre al 31 gennaio).

Natura-spettacolo: le 5 escursioni più belle da fare a Ischia

I dintorni: Procida e Napoli
Dedicare almeno un giorno della propria permanenza a Ischia alla conoscenza delle vicine Procida e Napoli non è affatto una cattiva idea. La prima è a circa 15 minuti di aliscafo (30 minuti col traghetto) da Ischia Porto; per il capoluogo partenopeo, invece, occorre 1 ora circa di aliscafo (1 ora e 30 minuti col traghetto). Non ve ne pentirete!

Cosa vedere a Procida
Da Ischia alla scoperta di Napoli Sotterranea

Author: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *