La spiaggia di Sant’Angelo

Oltre a Cavascura, i Maronti e la vicina Cava Grado, a Sant’Angelo si può fare il bagno anche sotto la “Torre”, il grosso masso tufaceo di fronte la suggestiva piazzetta. Infatti, ai due lati dell’istmo che collega la Torre col borgo, c’è una spiaggia bella e assolata, sempre più punto di riferimento, già da diversi anni, per le famiglie che vengono qui in vacanza.

Non solo famiglie, però. Sono sempre di più anche i giovani che scelgono di venire a fare il bagno a Sant’Angelo. Merito, senza dubbio, dei diversi concessionari presenti, attenti a render confortevoli e attraenti i rispettivi lidi.

Si spiega così, per esempio, la scelta “colorata” di ombrelloni, lettini e sdraio:  il colore delle suppellettili – giallo, arancione e verde –  in qualche modo richiama i colori pastello delle case del borgo e, perché no, quelli altrettanto vivi delle reti dei pescatori locali.

Sono questi i particolari che suggeriscono il senso di armonia cromatica che accomuna, per esempio, Sant’Angelo alla Corricella di Procida. Non a caso, questi due borghi, insieme a quello di Ischia Ponte, sono tra i più significativi esempi dell’architettura mediterranea.

Tra i colori, naturalmente, c’è anche l’azzurro del cielo e del mare. Mare che a Sant’Angelo è particolarmente indicato per le famiglie con bimbi al seguito. Un imponente sistema di scogliere, infatti, protegge il lato di spiaggia attrezzata. L’altro lato, quello che dà sul porticciolo turistico, è il luogo ideale, invece, per far divertire i ragazzi in tutta tranquillità.

Insomma, Sant’Angelo è un borgo che non vive sugli agi della fama acquisita ma cerca di “attualizzare” la propria popolarità. Un’opera costante di ammodernamento che oltre a passare per i bar, i ristoranti e le boutiques coinvolge anche le attività balneari.

Un motivo in più per visitare questo borgo che d’estate si trasforma nella piccola Capri dell’isola d’Ischia. Come ha scritto qualcuno un'”isola nell’isola” che, più che raccontare, tocca vivere. Vi aspettiamo!

Author: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *