La spiaggia di Cava Grado

L’abbiamo ripetuto tante volte, ma non è mai abbastanza: guai a pensare di conoscere Ischia! L’isola è un scrigno di sorprese anche per chi ci vive, figurarsi per chi viene in vacanza. Dalle escursioni, al cibo, alle terme, “varietà” è la parola-chiave dell’isola più grande e bella del Golfo di Napoli.

Vale anche per le spiagge: siete alla ricerca di una caletta tranquilla? Una spiaggia al riparo dalla folla estiva dei Maronti? Beh, abbiamo decisamente quello che fa per voi. Stiamo parlando di Cava Grado, la spiaggia del piccolo borgo di Succhivo frequentata perlopiù dalle famiglie del posto e della vicina frazione di Panza.

Una spiaggia per famiglie, dunque, e però negli ultimi anni rivalutata anche dai turisti alla ricerca di relax e tranquillità. In parte libera e in parte attrezzata, Cava Grado è quel che si definisce un’oasi di pace. I bambini giocano sul bagnasciuga, gli adulti discutono e leggono il giornale sotto l’ombrellone o comodamente seduti ai tavoli del piccolo bar-ristorante interamente scavato nel tufo.

Due le strade per arrivarci. Una, dal centro di Succhivo, al termine di un viale lastricato; l’altra dallo stazionamento dei bus di linea all’ingresso di Sant’Angelo. Entrambe, sono molto suggestive: la prima è un’antica mulattiera che attraversa gli orti e le vigne di Succhivo; la seconda, invece, coglie il visitatore quasi di sorpresa.

Infatti, spesso, è per caso che ci si accorge di Cava Grado. Scendendo dal pullman si nota la strada in discesa che porta alla spiaggia.  Una “scoperta felice” come ha scritto qualcuno, e non si può che essere d’accordo con tale definizione.

Unici “inconvenienti” – si fa per dire – gli oltre cinquanta scalini che è necessario fare per raggiungere la spiaggia e, soprattutto, il fondale subito dopo il bagnasciuga. Anche se abbiamo detto che è una spiaggia per famiglie (e lo confermiamo) è anche vero che poco dopo l’ingresso in acqua c’è il classico scalino che impedisce di toccare il fondo con i piedi.

Niente paura, però. I “pro” sono decisamente molti di più e per accorgervene non resta da far altro che seguire il nostro consiglio: venire a Ischia. Vi aspettiamo!

Author: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *