Ischia a maggio: le cose da fare

La primavera è la stagione migliore per venire in vacanza a Ischia. Tutto fiorisce, i parchi termali aprono, le giornate si allungano, il clima è mite e non c’è la calca di luglio e agosto. Ciò detto, conta molto anche il mese e, a giudizio quasi unanime, maggio è quello più indicato. Per due motivi: il primo è l’equilibrio perfetto dei vantaggi sopra elencati. Il secondo, invece, ha a che fare con i tanti eventi che si svolgono durante il mese e che di seguito andiamo brevemente a vedere.

Ischia 100 (7 maggio)
Da qualche anno, ormai, la prima domenica del mese è dedicata a “Ischia 100”, gran fondo di ciclismo che tocca tutti e sei i comuni dell’isola. Un evento che in pochissimo tempo è diventato un riferimento per i cicloamatori che si riversano a Ischia per partecipare alla gara e godere di uno scenario incantevole per qualche ora sgombero da auto e moto. Soprattutto, un evento che dimostra una volta di più le potenzialità del binomio sport-turismo, con riferimento particolare a tutte le attività outdoor che è possibile praticare sulla più grande delle isole partenopee.

Per maggiori informazioni
: “Ischia 100”, la Gran Fondo di ciclismo sull’Isola Verde


Ischia Sunset Triathlon
(14 maggio)
Non solo ciclismo. C’è anche il triathlon ad arricchire il maggio ischitano. Lo scenario è quello fantastico del lungomare di Forio, dove triatleti provenienti da ogni parte d’Italia si sfidano nelle tre frazioni della disciplina. La formula è quella “sprint” (750 mt. nuoto; 20 km. bici; 5 km corsa) e perciò le limitazioni al traffico non sono oltremodo penalizzanti. Per il resto, vale quanto detto già in precedenza: questi eventi contribuiscono ad arricchire l’immagine turistica dell’isola d’Ischia non più legata soltanto al turismo termale e balneare.

Per maggiori informazioni: Ischia Sunset Triathlon, quando lo sport sposa il turismo


Festa di Santa Restituta
(16 -18 maggio)
Ischia è un’isola profondamente cattolica e le feste patronali sono tutte molto sentite. Quella di Santa Restituta a Lacco Ameno ancora di più. La martire africana, infatti, è compatrona dell’isola d’Ischia (insieme a San Giovan Giuseppe della Croce) e perciò in occasione della ricorrenza i fedeli accorrono da tutta l’isola. Tre giorni di celebrazioni liturgiche, processioni (via terra e via mare) e gli immancabili fuochi d’artificio. Non è finita, perché sulla spiaggia di San Montano viene rievocato lo sbarco del corpo esanime della giovane tunisina perseguitata dai romani. Una rappresentazione suggestiva che non lascia indifferente anche chi non è sorretto dal dono della fede.

Per maggiori informazioniLa festa di Santa Restituta, patrona di Lacco Ameno


Ipomea del Negombo
(26 -28 maggio)
Sempre a Lacco Ameno, va in scena da molti anni Ipomea del Negombo, mostra-mercato di piante rare. Come si intuisce dal nome, l’evento si svolge all’interno del parco termale del Negombo a due passi dalla meravigliosa spiaggia di San Montano. Tre giorni per approfondire la conoscenza di piante più o meno esotiche tutte perfettamente adattabili al clima mediterraneo. Insomma che vogliate arredare il balcone, piantare una vite, coltivare in vaso i peperoncini più forti al mondo, Ipomea è il posto giusto per voi. Provare per credere!

Per maggiori informazioniFiera Ipomea del Negombo a Ischia


Corso di acquerello botanico ai Giardini La Mortella
(27 maggio -3 giugno)
Rispetto a tutti gli eventi fin qui descritti questo è sicuramente quello più di nicchia. Allo stesso tempo, però, è anche quello che va più in profondità, lasciando ricordi indelebili in chi ha il piacere e la fortuna di partecipare al corso. Un successo di critica che si spiega per due motivi: il primo, ovviamente, è la meravigliosa location; il secondo (ma solo per ragioni espositive) è la presenza di Maria Rita Stirpe, illustratrice botanica di grande fama con un’intensa attività didattica in tutta Italia. Al di là della tecnica, quel che si impara davvero partecipando a “La Flora di Lady Walton” (questo il nome del corso in omaggio a Lady Susana Gyl, artefice dei Giardini La Mortella) è l’amore per la natura e il meraviglioso mondo delle piante.  E l’amore – si sa – ha bisogno di cura e attenzione ai dettagli. Gli stessi valori richiesti per imparare i primi rudimenti dell’acquerello botanico. Indipendentemente dal corso, però, maggio è anche il mese migliore per visitare i Giardini La Mortella. Noi l’abbiamo detto, ora tocca a voi.

Per maggiori informazioni: La flora di Lady Walton: corso di acquerello botanico ai Giardini La Mortella

Ischia Vi aspetta!

Author: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *