Ischia, terme e benessere a primavera

C’è stato un tempo in cui i turisti, soprattutto stranieri, a Ischia venivano a “svernare. Specie chi aveva necessità di effettuare le cure termali non si sarebbe mai sognato di curare i reumatismi o gli strappi muscolari sotto il sole cocente di luglio e agosto. Poi le cose sono cambiate. L’estate, il mare, la sabbia, gli ombrelloni hanno finito coll’egemonizzare l’immaginario collettivo e così si è persa un po’ traccia (non del tutto) di questi turisti “sui generis“.

Resta il fatto che i mesi estivi sono il periodo migliore dell’anno per i vacanzieri, non certo per i viaggiatori. Questi ultimi sanno benissimo che i mesi migliori per conoscere un’isola del Mediterraneo sono quelli primaverili. A limite, anche settembre e ottobre, con la differenza, però, che le ore di luce nei mesi autunnali sono decisamente meno che ad aprile, maggio e giugno.

E poi in primavera tutto fiorisce. Le ginestre sui pendii del Monte Epomeo, le rose e i gerani sui balconi di casa. Ischia, insomma, in questo periodo dell’anno è un vero tripudio di colori. Perciò, una vacanza a Ischia in primavera è senz’altro la cosa giusta.

La scelta dell’hotel
In primavera – convenzionalmente con l’avvento della Pasqua – il ventaglio di scelta si fa decisamente più ampio rispetto all’inverno. Infatti, mentre nel periodo invernale è quasi un obbligo scegliere un hotel che abbia qualche comfort all’interno (almeno una piscina interna), ad aprile, maggio, giugno è possibile valutare anche soluzioni diverse confidando nella clemenza del tempo e, soprattutto, nell’apertura dei parchi termali. Ovviamente, se la priorità sono le cure termali conviene orientarsi in ogni caso su una struttura attrezzata.

Offerte Hotel Ischia PASQUA
Offerte Hotel Ischia MAGGIO
Offerte Hotel Ischia GIUGNO

Parchi termali
Una volta prenotato l’hotel, per il parco termale c’è solo l’imbarazzo della scelta. A Casamicciola c’è il Parco Oasi Castiglione: 10 piscine (di cui 8 termali), diversi idro-massaggi, sauna, bagno turco,  percorso Kneipp, pontile privato con accesso diretto a mare e, naturalmente, guardaroba, sdraio, lettini, ombrelloni ecc. Tutto inserito in un contesto naturalistico di prim’ordine, al termine di una baia circondata dalla lussureggiante macchia mediterranea dell’isola d’Ischia. A Lacco Ameno, invece, troviamo il  Negombo, un parco di 9 ettari che alla spiaggia privata e alle 13 piscine termali abbina un giardino tropicale curato fin nei minimi dettagli con piante provenienti da ogni angolo del pianeta. E la cura, a limite della perfezione, è anche la “firma” dei Giardini Poseidon a Forio. Le piscine in questo caso sono 22, al termine della splendida spiaggia di Citara (un tratto è in concessione al parco), proprio sotto la maestosa collina di Punta Imperatore che protegge l’insenatura.

Per maggiori info:
Parco Termale Oasi Castiglione
Parco Termale Negombo
Giardini Poseidon

Feste e tradizioni popolari
I mesi primaverili sono il periodo dell’anno in cui hanno luogo alcune delle tradizioni maggiormente sentite sull’isola. Richiamo anche per numerosi turisti, affascinati, a ragione, dall’esibito pathos popolare. Si comincia la mattina del Venerdì Santo con la bellissima Processione dei Misteri nella vicina isola di Procida. La sera, invece, a Forio va in scena la Passione di Cristo, le 14 tappe della Via Crucis rappresentate da centinaia di figuranti che sfilano per le vie del centro del paese fino ai piedi della celebre Chiesa del Soccorso, dove avvengono le scene cruciali della crocifissione e della morte di Cristo. La domenica di Pasqua,  a Forio e Casamicciola, è la volta della Corsa dell’Angelo, antichissima “processione a spalla” che rievoca l’annuncio della risurrezione, mentre il lunedì di Pasquetta tocca alla frazione di Buonopane (comune di Barano) con la folcloristica ‘ndrezzata, antica danza di origine greca famosa in tutto il mondo. Ma non è finita, perchè alla metà di maggio e giugno le feste dei Santi patroni di Lacco Ameno (Santa Restituta) e Forio (San Vito) monopolizzano le rispettive comunità che partecipano numerose alle messe, alle processioni via mare e via terra e ai fuochi pirotecnici che accompagnano e chiudono le celebrazioni.

Gite in motonave
A Pasqua, dopo la pausa invernale, ricominciano inoltre i collegamenti diretti con l’isola di Capri e la penisola sorrentina, come pure il giro via mare dell’isola d’Ischia. Diverse le compagnie che effettuano queste escursioni, di sicuro un’opportunità in più rispetto ai mesi invernali durante i quali l’unico collegamento diretto rimane quello con la piccola isola di Procida (ad eccezione, ovvia, dei collegamenti marittimi con Napoli).

Giro dell’isola d’Ischia via mare
Cosa vedere a Procida
Cosa vedere a Capri

Insomma, primavera a Ischia vuol dire benessere, tradizioni e, perchè no, andare alla scoperta del golfo di Napoli, il più bello del mondo. Vi aspettiamo!!!

Autore: ischia.land

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *